Un approccio integrato che tiene conto delle esigenze degli stakeholder

Già dal 2010, abbiamo deciso di intraprendere un percorso strutturato di sostenibilità. Siamo convinti che l’adozione di criteri di sostenibilità sia l’unico modo per perseguire una crescita durevole nel settore immobiliare retail, e consapevoli che la responsabilità sociale e ambientale sia diventata un requisito sempre più importante per gli stakeholder.

La strategia di sostenibilità di IGD è parte integrante della pianificazione aziendale a partire dal Business Plan 2014-2016.  Con il nuovo Business Plan 2022-2024, approvato il 14 dicembre 2021, la pianificazione di sostenibilità è stata inserita negli ambiti operativi di attività.

A partire dal 2017 la strategia di sostenibilità di IGD sintetizzata in «Becoming G.r.e.a.t.», a testimonianza dell’obiettivo aziendale di operare nell’ottica di una crescita sostenibile che ponga attenzione alle tematiche ambientali (Green), alle persone (Responsible), in maniera etica (Ethical), in luoghi attrattivi (Attractive), insieme ai suoi stakeholder (Together).

Tre sono gli elementi che compongono e rendono concretamente operativa la nostra strategia:

  • i temi material;
  • gli obiettivi di sostenibilità;
  • I rischi di sostenibilità e le politiche/azioni collegate.

 

[ Per visualizzare questo contenuto è necessarrio accettare i cookie statistics, marketing ]

 

L’impatto della pandemia da Covid-19, che ha interessato sia l’Italia che la Romania a partire dai mesi di febbraio/marzo 2020, è stato rilevante anche nel corso del 2021. Tale situazione ha influito direttamente anche sulla strategia di sostenibilità rendendo necessario un parziale adeguamento dei 3 elementi che la compongono: temi material, rischi e obiettivi. In particolare:

  • Abbiamo confermato i 12 temi material, ma con una maggior focalizzazione sul tema della “salute”, integrato nel già esistente tema “benessere e sicurezza”
  • Abbiamo iniziato la rendicontazione in merito ai nuovi rischi pandemici introdotti nel 2020;
  • Non è stato possibile raggiungere alcuni obiettivi di sostenibiltà inerenti la capacità aggregativa dei centri commerciali. in quanto sono stati rinviate e posticipate attività collegate all’organizzazione di eventi, campagne di sensibilizzazione, ecc.